Video tutorial e video marketing

Produrre video tutorial è uno dei sistemi più interessanti sia per fare video marketing che per rafforzare la presenza aziendale sui canali social. Questo vale tanto nel settore dei beni di consumer che nel settore del B2B, cioè di quello di aziende che vendono beni e servizi ad altre aziende.

Secondo una statistica sul video marketing di Wyzow, l’88% delle aziende interpellate afferma di impiegare in modo importante il video nelle proprie strategie di comunicazione.

E il 72% delle persone preferisce il video al testo quando vuole sapere come funziona un prodotto o servizio
Ma il dato più interessante è che la maggior parte delle aziende concorda nel ritenere il video tutorial come uno dei fattori che abbia maggiormente aumentato la consapevolezza degli utenti circa il proprio prodotto o servizio. I video tutorial, infatti, guidano gli utenti verso il corretto impiego dello strumento proposto. Soprattutto in ambito produttivo. Un video tutorial infatti

  • Fa in modo che il materiale rimanga nella memoria a lungo termine
  • Trasforma i messaggi più velocemente
  • Migliora la comprensione
  • Fornisce i contenuti in modo più dettagliato

Inoltre è uno strumento di impiego immediato, soprattutto in quelle situazioni produttive in cui un fermo macchina rappresenta una significativa perdita in termini economici

Indice

Video_Tutorial_Galliano__016

Produzione di un video tutorial

Il primo passaggio è individuare le tematiche di maggior interesse connesse all’uso del prodotto

Una volta individuato il problema da risolvere con il tutorial, va creato uno storyboard così da porre in evidenza il problema e le conseguenti soluzioni da adottare. Al termine è opportuno insistere sul risultato ottenuto, magari paragonandolo alla situazione precedente

E’ evidente che soprattutto in ambito industriale, nel machinery o comunque nel B2B, la produzione dei video tutorial debba essere di qualità elevata, con contenuti ben distribuiti e soprattutto facilmente intellegibili. Si tratta di produzioni video a tutti gli effetti che non è opportuno ridurre a livello simil-amatoriale.

Un video tutorial, infatti, non sarà guardato solo dai clienti che hanno già acquistato il prodotto o la macchina. Al contrario molti utenti guardano tutorial video quando valutano se acquistare o meno un sistema produttivo, un servizio, un macchinario. Valutano infatti se la presentazione corrisponde alla realtà e se capiscono in modo immediato come utilizzare il prodotto da acquistare.

Ecco perché nella produzione di un video tutorial va posta la medesima cura nella fase produttiva che solitamente è destinata ai video di presentazione.

Durata di un video tutorial

Una durata ottimale per non far calare l’attenzione è di circa 8-10 minuti ad argomento. 

Se fosse necessario un tempo maggiore per aspetti tecnici, converrebbe suddividere la durata complessiva (magari di 45-50 minuti) in capitoli della durata ciascuno di 8-10 minuti, così da permettere l’interruzione e la ripresa in tempi brevi

Video-aziendale-saes-rial-vacuum

Il format

Esistono sostanzialmente due line guida per la produzione di un video tutorial: con o senza la presenza del docente in video . Ovvero con o senza un voice over.

Anche se va detto che il sistema più interessante è quello che abbina le due tecniche. Cioè affianca alla presenza dei relatori contributi video, grafici e immagini della lavagna elettronica o delle presentazioni Powerpoint.

I contributi che più spesso vengono usati in ambito B2B sono quelli video perché è importante mostrare in modo chiaro e dettagliato come risolvere un problema, come effettuare una manutenzione.

Mentre nel caso di tutorial che hanno ad oggetto, ad esempio, l’impiego di un software, i metodi più impiegati sono quelli che prevedono la registrazione dello schermo (screenncast)

Un metodo che funziona sempre è quello della divisione dello schermo, in cui in una parte appare il docente-relatore, nell’altra il contenuto. Che può essere in forma grafica, filmica o testuale.

Un sistema interessante è quello di far scrivere il relatore su un foglio di plexiglass posto tra lui e la camera. In questo caso bisogna avere l’accortezza di girare l’immagine ma il risultato è sicuramente di effetto.

Videotutorial e marketing

Un video tutorial è un modo rapido per mostrare al proprio pubblico come funziona una macchina. Ma per via delle visualizzazioni diventa anche un ottimo strumento per aumentare la propria autorevolezza sui canali social. I video tutorial aumentano la credibilità proprio perché nostrano immagini reali del prodotto o della macchina in azione.
Un buon approccio è analizzare le ricerche su Google in merito alla soluzione di un problema e di seguito produrre dei video tutorial che soddisfino quelle domande.
Di seguito i tipi di video tutorial che si possono produrre:

Video dimostrativi

video tutorial che mostrano come funziona un prodotto e come utilizzarlo. Solitamente partono da un unboxing

Video con esperti di settore

si tratta di problemi di uso comune risolti da esperti; non necessariamente devono essere celebrities, anzi. Spesso sono i tecnici della casa madre che hanno autorevolezza proprio per la propria posizione

Video didattici

Vengono impiegati per sviluppare le conoscenze di base o per insegnare qualche cosa di nuovo relativo ad un aggiornamento del prodotto stesso

Video esplicativi

Si tratta di video tutorial con finalità di marketing. L’obiettivo è mostrare al pubblico perché il prodotto presentato risolva effettivamente il problema proposto. Si tratta di illustrare i vantaggi ottenibili tramite l’impego del sistema

VIDEO-INDUSTRIALE-BOFFETTI

Video Tutorial, Video istruzioni, Video corsi

Summary
Video tutorial e video marketing
Article Name
Video tutorial e video marketing
Description
Video tutorial e video marketing in ambito B2B, video tutorial di macchinari e impianti, come produrre video tutorial per vendere beni e servizi
Author
Publisher Name
Giuseppe Galliano Studio
Publisher Logo